Comune di Casole d'Elsa

Cerca  

Home    Vivi in Cittā    Cosa fare per... (guida al cittadino)    Matrimonio

  In Comune

  Vivi in Cittā

  Eventi e Turismo

Matrimonio - Pronuncia il tuo “SI” a Casole d’Elsa

La Giunta Comunale con Deliberazione n. 11 del 28 gennaio 2017 ha stabilito i corrispettivi dovuti all'Ente per le celebrazioni dei matrimoni ed unioni civili presso questo Municipio a decorrere dal I° gennaio 2017.

- Matrimoni celebrati presso il Palazzo Comunale (antica ROCCA, fortilizio trecentesco in pietra, considerato uno dei pių importanti castelli valdelsani), P.zza Luchetti e Centro Congressi:

  • Residenti da almeno un anno e/o nati a Casole d'Elsa: Gratuito
  • Non residenti a Casole d'Elsa ma residenti in Italia € 300,00 per i giorni feriali ed € 400,00 per i giorni festivi.
  • Cittadini non residenti in Italia € 650,00 per i giorni feriali ed € 800,00 per i giorni festivi.

- Matrimoni celebrati presso il Teatro Bargagli, via Dietro Le Mura, P.zza della Libertā e Giardino della Fontana:

  • Residenti da almeno un anno e/o nati a Casole d'Elsa: € 100,00
  • Non residenti a Casole d'Elsa ma residenti in Italia € 400,00 per i giorni feriali ed € 500,00 per i giorni festivi.
  • Cittadini non residenti in Italia € 750,00 per i giorni feriali ed € 900,00 per i giorni festivi.

Il Comune di Casole d’Elsa offre la possibilitā alle coppie di tutto il mondo di pronunciare il fatidico “SI”

Per prenotare la cerimonia, dopo aver contattato l’Ufficio di Stato Civile telefono n. 0577 949726, i futuri sposi devono effettuare un versamento del corrispettivo dovuto presso la Tesoreria Comunale posta presso la Banca MPS agenzia di Casole d'Elsa in via Casolani.

Dati per il bonifico
BANCA MPS Agenzia CASOLE D’ELSA
CODICE IBAN  IT 05 I 0103071780000000064011  CODICE SWIFT: PASCITMMSIE

I  matrimoni civili vengono celebrati tutti i giorni escluso il 1 gennaio, pasqua e pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, la settimana di ferragosto, 25 e 26 dicembre.

Al termine della cerimonia l’Amministrazione Comunale offrirā un brindisi ed un piccolo dono agli sposi in ricordo del luogo ove č avvenuto il loro matrimonio

Documentazione da presentare

RESIDENTI IN ALTRI COMUNI:

E’ necessaria la delega del Sindaco del Comune di residenza che ha proceduto alle pubblicazioni di matrimonio

STRANIERI NON RESIDENTI IN ITALIA:

1. NULLA OSTA rilasciato dall'Autoritā Consolare in Italia.

- Per  i cittadini di Austria, Francia, Germania, Rep. Moldova e Svizzera, č necessario il CERTIFICATO DI CAPACITĀ MATRIMONIALE, rilasciato dall'Ufficio di Stato Civile del proprio Paese.

- Per i cittadini del Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna e Turchia č necessario il CERTIFICATO DI CAPACITĀ MATRIMONIALE (informarsi, presso il rispettivo Consolato, sull'autoritā competente al rilascio)

- Per i cittadini Britannici residenti nel REGNO UNITO č necessario il CERTIFICATO DI NON IMPEDIMENTO rilasciato dall’autoritā locale del Paese di provenienza e UNA DICHIARAZIONE GIURATA bilingue resa dagli interessati presso un avvocato o notaio britannici, apostillati

- Per i cittadini della  Norvegia  č necessario produrre nulla-osta rilasciato dal Comune di residenza in Norvegia, legalizzato con apostille  se tradotto  in Norvegia, la firma del traduttore deve essere legalizzata con apostille  prevista dalla conv. Aia.

- Per i cittadini della Polonia č necessario il nulla-osta rilasciato dal Comune di residenza in Polonia esente da legalizzazione. Se tradotto in Polonia la firma del traduttore deve essere legalizzata con Apostille

- Per i cittadini della Svezia che sono ivi residenti il nulla-osta č rilasciato dal Comune di residenza, legalizzato con apostille  se tradotto in Svezia la firma del traduttore deve essere legalizzata  con Apostille

- Per i cittadini Americani e Australiani č necessario l’atto notorio rilasciato dal Consolato Italiano negli Stati Uniti o in Australia e la dichiarazione giurata rilasciata dal Consolato degli Stati Uniti d’America  o dal Consolato Australiano in Italia

La firma del Console o dell'Ambasciatore dovrā essere legalizzata dalla competente Prefettura. Sono esenti da tale legalizzazione i seguenti Paesi: Austria, Belgio, Bosnia Erzegovina, Estonia, Cipro, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtenstein , Lussemburgo, Macedonia, Montenegro, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Moldova, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia.

Nel documento deve risultare che non esistono impedimenti al matrimonio secondo le leggi del Paese di appartenenza e devono essere chiaramente indicati: nome, cognome, data e luogo di nascita, cittadinanza, residenza, stato civile e generalitā dei genitori (se non sono indicate necessita atto di nascita legalizzato e tradotto o estratto di nascita su modello plurilingue) . Per la donna divorziata, vedova o matrimonio nullo occorre la data di scioglimento del matrimonio.

2. Per la donna divorziata, con matrimonio nullo o vedova da meno di 300 giorni: AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE

3. Per il minorenne da 16 a 18 anni provvedimento del Tribunale dei Minorenni  di ammissione al matrimonio con certificazione della Corte d'Appello di Firenze

Gli sposi si devono presentare all'Ufficio Stato Civile  con i documenti necessari e accompagnati dall’interprete, almeno 2 giorni prima del giorno prescelto per il matrimonio, precedentemente prenotato, per sottoscrivere la dichiarazione dalla quale risulti l’inesistenza degli impedimenti di cui all’art.86, 86, 87 n. 1-2-4, 88 e 89 del Codice Civile italiano.

Alcune foto del luogo dove si svolge la cerimonia

Interno della Rocca e la Piazza

 

I giardini (foto di Tiziano Pieroni)

(le foto sono solo a scopo dimostrativo)